in Attualità politica

Il giorno dopo il diluvio

  • Giugno 2016: Comunali.
  • Dicembre 2016: Referendum.
  • Giugno 2017: Comunali.
  • Tre sconfitte consecutive in dodici mesi.

Nel mondo delle persone normali nessun gruppo dirigente rimane al suo posto dopo un simile disastro.

Fuori. Fuori tutti, Fuori subito. Oggi, domani, dopodomani. Subito. Se si aspetta qualche giorno in più, vuol dire che s’è deciso che la nave deve affondare col Comandante, e allora ognuno per sé e Dio per tutti.

E quando dico fuori tutti, intendo proprio fuori e proprio tutti. Che non si ripeta il teatrino di Renzi che va a ffà er Cincinnato governando per proconsoli, in attesa d’essere richiamato a furor di popolo.
Fuori Matteo Orfini, il lugubre regista del karakiri romano.
Fuori Maria Elena Boschi, la garrula autrice e coprotagonista della Caporetto referendaria.
Fuori Luca Lotti, perché noi siamo garantisti e ognuno è innocente fino a sentenza definitiva, ma mi spiegate voi che ce ne facciamo oggi in Italia di un ministro senza portafoglio per lo Sport?
E con loro fuori tutta la truppa delle mezze calzette e degli ascari, dei ciaone e delle ladylike, fuori i quarantenni incravattati che parlano guardando fisso in camera e fanno con la testa segno di sì a sé stessi, fuori le signorine prime della classe che squittiscono la lezioncina imparata a memoria.
Fuori i Giovani Turchi, e chi mai ha capito che cos’è un Giovane Turco, e che cazzo ci sta a fare nel PD. Fuori Andrea Orlando, che la sua manfrina d’essere alternativo a Renzi più che ridicola è stata penosa.
E fuori anche un bel po’ di vecchi saltati trionfalmente sul carro del vincitore, che non cerchino di scendere facendo finta di niente.
Fuori, a fare altro. Ce ne sono di mestieri utili e interessanti al mondo, arredatore, ortodonzista, rappresentante del Folletto. Si mettano in testa che la politica non è pane per i loro denti.

E non venitemi a parlare di Statuto, Congresso, Primarie, e cì cì e ciò ciò, perché le elezioni, quelle grosse, se va bene, sono al più tardi ad aprile, e non ci si può presentare a questo che può essere il Giudizio Finale con le braghe in mano a discutere di correnti e di posti a sedere sul ponte del Titanic.

E subito una legge elettorale, perché per votare ci vuole una legge elettorale, e una legge elettorale è quella che dice che i rappresentanti del Popolo Sovrano sono scelti, uno per uno, dal Popolo Sovrano. I nostri bravi soldatini alzino il culo dalla sedia, e vadano in giro per il Paese, ognuno col suo nome e cognome, con la sua faccia e la sua storia, a spiegare a noi perché dovremmo scegliere lui, proprio lui, e non un qualunque altro Pinco Pallino di una qualunque altra cordata correntizia, come rappresentante nostro e dell’intera Nazione (art. 67).

Oggi il PD ha una sola carta da giocare, Paolo Gentiloni, che non è né Napoleone né Machiavelli né Mosè, ma per ora è l’unico che può tenere provvisoriamente in piedi la baracca senza farci fare la figura dei coglioni di fronte al mondo intero. Si punti su quello, lasciandogli fare come può quello che sa, senza dare sempre l’impressione di considerarlo un commesso viaggiatore telecomandato.

E poi, una volta tirata la testa fuor d’acqua, cominciare a pensare a costruire un partito che oggi non c’è, il Partito Democratico.
E Partito Democratico vuol dire un partito che dichiara di avere un progetto già fatto, bellissimo e scritto benissimo, che è la Costituzione della Repubblica. Una Costituzione che forse avrò bisogno di un ritocchino in qualche tecnicismo, ma queste sono finezze da lasciare per tempi migliori. Oggi il progetto è quello, quella l’identità, quella la storia, quello il futuro, quelli i valori, quello l’orgoglio, quello soprattutto lo stile ed il linguaggio.

Caspar David Friedrich

Scrivi un commento

Commento