Categorie
Attualità politica

Giovanni Giolitti

In un messaggio pubblicato un paio di settimane fa su un gruppo di discussione avevo scritto:

Giovanni Giolitti… più di cent’anni fa disse: non è compito dello Stato prendere le parti degli industriali nei conflitti sociali

l’esito mi sembra che mi dia ragione.

Non è compito dello Stato, a maggior ragione non è compito di una forza di sinistra che intende candidarsi al governo dello Stato e conservare il governo della città di Torino.

È chiaro che una forza di sinistra deve avere un occhio particolarmente attento nei confronti del mondo del lavoro, ma questo non la obbliga necessariamente a prendere una posizione riguardo ad una vertenza sindacale. Di fronte alla vertenza Fiat, anche prendendo atto che la CGIL non è il sindacato di riferimento del PD, sarebbe sicuramente stato più saggio mantenere un prudente silenzio.

Purtroppo anche in questo caso molti non hanno saputo resistere alla tentazione di farsi dare dalla destra patenti di “riformismo”. In una vicenda che ha drammaticamente spaccato il fronte delle grandi confederazioni sindacali, che in ogni caso lascerà pesanti straschichi negli anni a venire, bastava dire “tocca ai lavoratori decidere”.

Non so che cosa avessero Fassino e Chiamparino da guadagnarci esprimendo in modo così clamoroso un appoggio a UIL e CILS, ma mi sembra che fosse abbastanza facile capire (se l’ho capito perfino io, perdiana!) che c’era parecchio da perdere a sconfessare la CGIL.

Insomma, la cosa da evitare nel modo più assoluto era proiettare la vicenda Fiat, e la prevedibile spaccatura del voto operaio, sulla vita interna dei partiti del centro-sinistra. Creare il fantasma di un “Partito FIOM” di cui nessuno in questo momento sente il bisogno. Aggiungere alla difficoltà della prossima campagna elettorale il peso di parole che sicuramente verranno usate per mostrare ancora una volta lo scollamento del mondo della politica, anche della politica di centro-sinistra, dai lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.