Categorie
Attualità politica

I senatori con la valigia


senatorivaligia

La faccenda del nuovo Senato, che è veramente il pons asinorm della Riforma, non regge assolutamente sotto tutti i punti di vista.

In nome dell’“efficienza” e della “velocità”, l’articolo 70 è stato infarcito di termini perentori: “entro dieci giorni…” “entro quindici giorni…”

Ammesso che questi termini siano giustificati, presup­pongono un Senato di falchi con gli occhi acutissimi pronti a gettarsi alla preda, come i Minutemen della Rivoluzione Americana. Ma 74 consiglieri regionali più 21 sindaci, che dovrebbero occuparsi di tutt’altro, e lavorano da tutt’altra parte, ve li vedete? Entro 10 giorni devono decidere di riunirsi (chi li convoca? Il Presidente del Senato. Consigliere o sindaco pure lui?); lasciano a mezzo tutto quello che stanno facendo (immagino che qualche volta gli capiti anche di occuparsi di cose urgenti e importati, mica li han messi lì a scaldare la sedia); preparano la valigia; prenotano l’aereo o il treno; partono dal monte e dal piano per raggiungere la grande Babilonia; si sistemano in albergo; vanno in Senato e… “su, fammi vedere l’ordine del giorno…”

Ma gliela vogliamo lasciare una settimana di tempo per mettersi in ordine e cominciare a discutere con un minimo di cognizione di causa?

No. Paf, tempo scaduto. Grazie per aver giocato con noi.

Insomma, una totale dissennatezza.


E questa totale dissennatezza è stata messa in piedi per un banale fine propagandistico.

Anche mantenendo il sistema dell’elezione indiretta, bastava dire che i Consigli Regionali eleggono dei Senatori che fanno solo i Senatori. Non sindaci o consiglieri regionali. Senatori.

Ma bisognava pagarli.

Allora, solo per poter dire che su 3 milioni di dipendenti pubblici ce ne sono 100 che lavorano gratis – solo per quest’unico meschinissimo scopo propagandistico, si è messo in piedi un marchingegno complicatissimo che non potrà mai funzionare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.