in Scuola

Fioroni

Non mi sarei mai aspettato, un anno e mezzo fa, di trovarmi a rimpiangere il ministro Fioroni.

Preciso che non sento la minima affinità ideologica e antropologica verso un democristiano di provincia dallo sguardo bovino, precipitato per puri motivi cencelliani dalle terze file della politica laziale al posto che fu di Francesco de Sanctis, Michele Coppino e Benedetto Croce. Eppure è una bella lezione di vita vedere che un uomo dalle modeste risorse, del tutto privo di esperienza specifica, dotato solo di un po’ di onesto buon senso, ha fatto per lo più bene, mentre fini intellettuali ed acclamate mèneger hanno combinato enormi disastri.

Come aveva dichiarato fin dall’inizio, non è mai stato attirato dalle riforme epocali, dalle grandi architetture di contenitori. Ha solo cercato di far funzionare la scuola. Ha rimesso in vigore l’unica buona idea della gestione Berlinguer, quell’esame di Stato che la lombarda intrepida castigatrice di mercanti cinesi aveva, come primo atto della sua gestione, gettato sotto le scarpe delle Mamme d’Italia (direte: questo era nel programma dell’Unione. Vero. Come erano nel programma dell’Unione la legge sul conflitto di interessi, l’abolizione delle leggi penali fai-da-te, e tante altre buone cose).

Certo, Fioroni non è mai stato un combattente. Si è sempre barcamenato tra burocrati della pedagogia ed esperti lalologi, ha bruciato i suoi granelli d’incenso davanti alle icone del Didattichese. Il suo capolavoro è stato ristabilire gli esami di riparazione dicendo e facendo dire che non sono esami di riparazione.

Difficile prevedere che cosa sarebbe riuscito a fare nella sua annunciata restaurazione del Merito, così bistrattato dal supermercato delle Competenze e dei Progetti e delle Cose che Servono. Un’impresa così grande e nobile richiede gli sforzi concordi di un’intera generazione di ministri e di docenti, non si poteva affidare ad un Governo in balia delle disavventure giudiziarie delle mogli di un paio di Ministri (quando c’era Lui, almeno, si metteva mano alle istituzioni per risolvere i guai personali del Presidente, non quelli delle signore e dei consuoceri).

È del tutto improbabile che l’ormai ex-ministro torni ad occupare quel posto. È più probabile che ricada nella penombra di piccole presidenze di Enti di modesto interesse locale. Ma io, nel poco tempo che passerò ancora nella scuola, e nella prossima lunga stagione della quiescenza, ricorderò la faccia larga e un po’ tonta di uno che per meno di due anni ci ha fatto sperare che non è fatale andare sempre Peggio.

Scrivi un commento

Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Parto da Lia ed arrivo da Maurizio per sottoscrivere il mio rimpianto per Anomalia Fioroni. Il nome deriva dal fatto che, unico nel precedente governo, ha osato tentare di fare bene.

Webmention

  • Haramlik » Blog Archive » “Ha solo cercato di far funzionare la scuola” 3 maggio 2008

    […] si sottoscrive il post di Maurizio Pistone, segnalatomi da Paolo, sull’ex comune ministro Fioroni, anche se la gratitudine mi avrebbe […]