Parole e immagini

In tutta la faccenda della signora suicida, un elemento non mi sembra sia stato sufficientemente messo in risalto.

Una giratina sul web ci fa persuasi che il 90% dei messaggi è costituito da filmini porno amatoriali e autoprodotti, o altri contenuti di pari livello culturale.

Quello che ha reso quel particolare filmino così diffuso, non sono le immagini, che suppongo (non l’ho visto) non distinguibili da quelle di millanta miliardi di altri filmini porno autoprodotti; bensì una particolare invenzione linguistica.

“Stai facendo il video? Bravo!” è la frase che la protagonista ha pronunciato, rivolta al videomaker. Ed è questa frase, in cui si condensa tutta la saggezza di una generazione che vive con il telefonino in mano, che è diventata il messaggio universale.

Su questa frase sono state fatte infinite variazioni – alcune delle quali ho anche visto. Giovanotti e adulti si fanno filmare mentre compiono le operazioni più svariate, solo per avere un’occasione per pronunciare la frase: “stai facendo il video? Bravo!”

La sorpresa per la povera signora dev’essere stata tremenda.

Chiunque abbia più di 15 anni (e la signora ne aveva giusto il doppio) sa che un qualunque contenuto messo sul web potenzialmente raggiunge il mondo intero. Per questo è stato inventato il web! Per far circolare le informazioni, non per nasconderle. Per il resto, esistono i pizzini.

Quello che non poteva prevedere, è che l’elemento di particolare interesse non sia l’atto in sé (quello che definisce, appunto, quel prodotto come un film porno); ma la frase di commento. Un filmino porno fatto solo per far dispetto all’ex fidanzato, o per un qualunque altro motivo ritenuto all’occasione valido (in ogni caso l’autrice era abbondantemente maggiorenne) si esaurisce rapidamente nel ristretto giro dei pochi interessati personalmente alla vicenda.

Ma una frase dall’involontaria e imprevista efficacia, capace di condensare in sé il senso profondo del 90% della comunicazione sul web, è un’invenzione clamorosa. Perché si fa un film porno (ci si scaraventa giù da un ponte, si viaggia all’incontrario sull’autostrada, si mangiano cento cannoli in una volta sola…)? Per farsi o farsi fare un filmino col telefonino! La realtà virtuale che filma sé stessa. Questa è una scoperta degna di un professorone di teoria della comunicazione.

La povera signora si è trovata proiettata in un ruolo che non era in grado di reggere. Ed è crollata.

Ci dispiace molto per lei. Non meritava di fare una così brutta fine per un motivo – soggettivamente parlando – così futile.

Ma ci dà anche una notizia importante. Le parole pesano più delle immagini.

La democrazia dei Funny Few

Non sono tra quelli che esultano per le figuracce che stanno facendo sprofondare nel ridicolo l’amministrazione romana.

raggiboschi

Non ho mai avuto nessuna simpatia per quella formazione politica, nata dai VaffaDay – cresciuta con aggressioni verbali di esasperata violenza verso chiunque non rientri nei difficilmente comprensibili parametri politico-morali del suo fondatore – strutturatasi in un enorme Freak Show di capi carismatici, agenzie private, guru informatici e clickbaiter, “direttori” nominati non si sa da chi, blog di assatanati urlatori.

Tuttavia ogni conferma del peggio è una stilettata. Scoprire che il partito creato dall’“uomo nuovo che farà fuori la vecchia politica e i vecchi politici” (categoria, questa, degli “uomini nuovi”, quanto mai inflazionata in Italia) è del tutto incapace di costruire una struttura amministrativa dotata di un minimo di credibilità – questa, per quanto prevedibile e prevedibilissima conclusione, è non di meno deprimente.

E non è minore delusione dover riconoscere che la massima idiota “tutti uguali” è purtuttavia l’unica efficace descrizione del mondo idiota in cui viviamo.


Il più elementare buon senso ci dice che di fronte ai problemi ci possono essere solo due atteggiamenti. Uno, cercare di comprendere i problemi e affrontarli alla radice. Due, cercare delle scorciatoie. La via difficile, che espone al rischio di pesanti incomprensioni e critiche. La via facile, che assicura, almeno per  un certo tempo, l’applauso convinto dei cretini – ed anche di parecchi, che uno non avrebbe mai classificato fra i cretini.

Oggi viviamo (non solo in Italia, ma in Italia con caratteri di gravità, pervasività, e, ammettiamolo, comicità, tutti speciali), oggi viviamo una gravissima crisi della democrazia, e una gravissima crisi dello strumento ineliminabile della democrazia, i partiti.

No starò qui a dire come si potrebbe cercare una soluzione a questa crisi. Non lo dico, primo perché è abbastanza evidente che non lo so neanch’io, secondo, perché anche se lo sapessi, non servirebbe a niente scriverlo qui.

Mi sembra però evidentissimo che nessuno cerca una soluzione alla crisi; tutti cercano delle scorciatoie.

È una scorciatoia l’esasperata personalizzazione della politica, la ricerca dell’“uomo nuovo che farà fuori la vecchia politica e i vecchi politici”, ricerca che, per nostra disgrazia, arriva sempre ad uno stesso esito: da una generazione buona, di “uomini nuovi” ne abbiamo avuti a bizzeffe, alcuni più fortunati, altri meno, tutti comunque destinati a passare, presto o tardi, nella categoria degli “uomini vecchi” che il successivo “uomo nuovo” prometterà di spazzar via. E questo, a partire dal primo prototipo di “uomo nuovo”, quel “Ghino di Tacco”, all’anagrafe Benedetto Craxi, che per quasi un decennio, con quel suo partito del 10%, fu il vero dominatore della scena italiana, fino ad una drammatica uscita di scena – uscita di scena che determinò con lui la scomparsa di un vecchio partito dalla storia gloriosa.

È una scorciatoia l’idea che, con un sistema politico frammentato, con le trombe del giudizio universale che proclamano “tradimento! inciucio!” ogni volta che si parla di possibilità di un accordo tra le forze politiche, la soluzione sia istituzionalizzare le minoranze, trasformando per legge il 29% in un bel 54% – uno vince, signore e signori, e tutti gli altri perdono! E poiché non c’è limite al peggio, un giorno forse ci diranno che è normale che un 19%, magari un 9% si possano amplificare ad un bel 54% garante della “governabilità”. La mancanza di consenso come legittimazione del potere, o, con slogan vagamente orwelliano, “la debolezza è forza”.

È una scorciatoia trita e logora l’appello alla democrazia diretta, alla “gente”, quella gente di cui però si coglie una rappresentazione caricaturale, il popolo dei social e dei commentatori di quotidiani on-line ecc., con i loro giudizi grotteschi, le loro faziosità ottuse, il loro linguaggio sgangherato e sgrammaticato che conosce soltanto il lessico dell’insulto e del turpiloquio. Quello, insomma che una volta si chiamava il “popolo del Bar Sport”, che oggi si è webbizzato, e assedia con il suo assordante vociare quelli che si terrebbero volentieri alla larga dal Bar Sport.

A Roma, uno degli ultimi politici rispettabili che c’erano rimasti è entrato in rotta di collisione col suo Capo (l’“uomo nuovo” del PD), il quale l’ha bellamente scaricato, additandolo al sadismo sanguinario del Popolo del Colosseo. I 5* hanno subito abboccato all’amo, non si sono lasciati sfuggire l’occasione di linciare davanti alla folla plaudente un uomo in evidente difficoltà (la collaborazione di Casa Pound al linciaggio è un piccolo dettaglio in un quadro già di per sé  ripugnante), di lanciare l’assalto al Palazzo che tutto il mondo conosce per la statua di Marco Aurelio e per la piazza disegnata da Michelangelo.

Il Comune di Roma dovrebbe essere (e non è detto che non continui ad essere) il passo decisivo per la scalata ad un altro palazzo romano. Forse ci arriveranno, forse no, in ogni caso, se il buon giorno si vede dal mattino, avremo di che piangere.

Altro che comici.